I conti dell’Inps preoccupano la Corte dei Conti. Occorre ridurre il numero dei Fondi pensione

Scritto il alle 08:57 da [email protected]

La Direzione Generale dell’Inps

la direzione generale dell’ex Inpdap

 La Corte dei Conti è seriamente preoccupata dell’andamento dei conti dell’Inps. Un monito anche a ripensare alla previdenza complementare,

Attuare la nuova Governance

 E’ ciò che emerge dalla delibera del 26 ottobre 2012, pubblicata il 5 novembre successivo, con la quale ha reso noto le sue risultanze  del controllo eseguito sulla gestione finanziaria dell’INPS per l’esercizio finanziario 2011. Per la Corte dopo le riforme sulle pensioni e sul mercato del lavoro, va assiduamente monitorata l’incidenza di queste  riforme sulla spesa pensionistica, nel breve e medio periodo e fino all’entrata a regime del sistema contributivo.

Né le risultanze hanno tralasciato la  previdenza complementare. In merito ad essa,  la Corte è del parere che, confermato l’assetto assolutamente privatistico, il modello in vigore va  sottoposto a riesame mentre sono necessarie iniziative di rilancio di fronte al basso numero degli  iscritti. Occorre agire anche sul fronte del numero dei Fondi, troppo numerosi e molti con pochi aderenti.  Una strada che è stata già intrapresa e che ha portato per esempio alla nascita di Fondaereo, frutto della fusione di Previvolo e Fondav.   In merito alla governance del Superinps, la Corte, che già in precedenza si era espressa contro l’eccessivo potere dei presidenti commissari, quando l’Inps e l’Inpdap erano enti distinti, è tornata con forza sull’argomento.  Apprezza la volontà del governo e del Parlamento di rivedere gli assetti di governo  del nuovo mega ente, anche se finora nessun atto concreto è stato fatto, come non è stato fatto niente per i processi di integrazione fra le varie componenti confluite e, non sono stati varati i regolamenti, né approntato un qualsiasi piano industriale.  La Governance dovrà incidere, oltre che nei profili della vigilanza ministeriale e dei controlli interni, nel ridisegno di ruoli e compiti degli organi di indirizzo e di gestione, al fine di correggere le eccessive concentrazioni di potere nel vertice monocratico (Presidente) e di rafforzare il Collegio rappresentativo delle parti sociali (CIV), sia nelle attribuzioni  formali che in quelle sostanziali.

Un altro aspetto importante che viene sottolineato  è quello dell’utilizzo dei dipendenti. Mentre si parla sempre più spesso di esuberi, quantificati fino a 4000 ( i più mormorano che saranno  quasi tutti di provenienza ex Inpdap), la Corte sottolinea che occorre fare una attenta e responsabile riflessione sul crescente ricorso a risorse umane esterne – nelle forme della somministrazione del lavoro a copertura dell’organico, della acquisizione di consulenze in appalto, dell’utilizzo generalizzato di procuratori e sostituti di udienza, del massiccio impiego di medici convenzionati – per le possibili incidenze sullo svolgimento di funzioni istituzionali spesso delicate e di elevato rilievo sociale ed i rischi di perdita delle stesse capacità di governo dell’Ente.

Per l’invalidità civile bisogna  riunire l’intero procedimento in un solo soggetto – dalla prima visita alla erogazione delle prestazioni – attraverso una rinnovata disciplina delle competenze e delle singole sequenze, a garanzia delle categorie da tutelare e per assicurare indipendenza e uniformità di giudizio su tutto il territorio.

Sulla attività ispettiva la Corte dei Conti rileva come  il suo ridimensionamento  reclama una programmazione più immediata  e una intensificazione degli interventi di contrasto nell’area di evasione contributiva che è sempre molto estesa.

Infine non poteva mancare una notazione sullo stato dei conti a seguito della ancora inspiegabile soppressione dell’Inpdap. Infatti i  conti generali dell’Istituto registrano una ulteriore contrazione dell’avanzo finanziario e un accentuato deficit economico, connessi al primo declino dei finanziamenti statali, dalle cui dimensioni – quantitative e qualitative (nella forma dei trasferimenti o delle anticipazioni a debito) – rimangono condizionati i pesanti saldi negativi stimati nelle previsioni assestate 2012, che incorporano lo squilibrio strutturale della seconda più grande gestione acquisita (ex Inpdap), non corretto dagli ultimi provvedimenti normativi.

Camillo Linguella

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Goldman Sachs lancia tre nuove emissioni obbligazionarie denominate rispettivamente in Lira Turca (T
Negli ultimi giorni siamo ci siamo un po’ dimenticati che il buon Donald Trump ha deciso di me
Il Ftse Mib riparte nella sua missione di sfondamento della resistenza in area 24.000 punti iniziand
Definire bitcoin non è una cosa semplice. Sulla prima criptovaluta concepita sono state spese m
Analisi Tecnica Il nostrano esce dalla parte alta del trading range ponendo il target in area 242
Stoxx Giornaliero Buonasera, tutto invariato sullo Stoxx. Si aggiunge un’altra settimana
La notizia del giorno è l'ennesimo attacco dei bond vigilantes alla famigerata linea Maginot, c
DJI Giornaliero Buongiorno e ben ritrovati con il nostro appuntamento mensile sul Dow Jones.
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )