Rendimenti 2012: La previdenza complementare fa cappotto al TFR

Scritto il alle 09:17 da [email protected]

Il Presidente della Covip A. Finocchiaro

Nessuno ci avrebbe scommesso un euro, neppure i gestori finanziari, ma  nel 2012 i rendimenti della previdenza complementare sono stati molto superiori a quello del Tfr: 8,2% contro il 3.3%.

La Covip ha reso noto i principali dati statistici di aggiornamento del quarto trimestre 2012. Innanzitutto si rileva la ripresa delle adesioni da 5.536.780 del 2011 si è passati a 5.866.282 del 2012, con un incremento del +6,0%

La performance   dei fondi pensione è stata veramente eccezionale: 8,2 nel 2012,  nel 2011 la perdita media  delle forme di previdenza complementare  fu del 2.7% mentre il tfr si rivalutò  del 3.5% (il tfr si rivaluta automaticamente  sommando il 75% dell’inflazione con l’1,5%). Il rendimento medio dell’anno appena concluso si aggira intorno all’8,7%, per la precisione +8.2% i negoziali e +9% gli aperti; più del doppio rispetto alla rivalutazione del trattamento di fine rapporto, che era segnalato a dicembre,  del 2.9 %, il cui  dato definitivo dovrebbe essere +3,3% netto, per via dell’inpennata dell’inflazione registrata nel corso del 2012.

Un risultato vicino del 2009, quando i negoziali avevano chiuso al 8,5%, gli aperti all’11%, mentre  i Pip le gestioni separate avevano chiuso a +3,5 .  C’è stato l’effetto spread a spingere questi risultati unito agli  andamenti particolarmente  positivi dei mercati azionari internazionali, e dei titoli di Stato europei e italiani in particolare.

Anche se, come lo stesso presidente della Covip Finocchiaro si sforza di ripetere ad ogni riunione e convegno, è improprio fare raffronti annuali sulle diverse performance fra i  fondi e le rivalutazioni del Tfr, perché le cadenze temporali non sono omogenee in quanto i rendimenti dei fondi hanno un senso solo nel lungo periodo, esso agisce come un benchmark ombra per validare o meno la bontà della previdenza previdenziale, utilizzato specialmente da coloro che ne sono contrari.

A tal proposito  vale la pena osservare, come hanno riportato anche altri, Corriere della Sera in primis,  che dal 2005, anno in cui inizia il monitoraggio della Covip, è la quinta volta su otto che la previdenza complementare ottiene risultati migliori rispetto al Tfr: che invece ha prevalso nel 2007, nel 2008 e nel 2011, complice la crisi finanziaria prima dei mutui subprime e poi dell’euro zona poi. Questi risultati dimostrano la solidità dello strumento messo a punto per proteggere la vecchiaia degli italiani ed è un duro colpo contro tutti coloro che gridavano al lupo e vaneggiavano dello scippo del Tfr. Siamo pressocchè convinti che gli anni bui sono alle spalle e che il II pilastro abbia dato ampie prova di tenuta senza scippare niente a nessuno.

Camillo Linguella

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.5/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Rendimenti 2012: La previdenza complementare fa cappotto al TFR, 8.5 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Settimana che all'apparenza sembra tipicamente estiva, non tanto per il clima ma per gli eventi
Ftse Mib: apre in gap down il listino tricolore italiano che rompe in apertura i 21.750 punti. Impor
Con la sua relazione tecnica sugli effetti del decreto dignità sul mercato del lavoro, e la sua aud
Ormai vi sarete annoiati dei miei moniti sulla Cina. Un paese che ha un debito societario e priv
Etvoilà, all'improvviso il popolo di Icebergfinanza si rese conto di quanto importanti siano le
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Oggi il Ftse Mib si sta comportando nelle prime battute meglio degli altri indici europei dopo aver
Nei miei post ho sempre cercato di “stimolare” la mente dei risparmiatori e anche dei consul
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )