Rendimenti 2012: La previdenza complementare fa cappotto al TFR

Scritto il alle 09:17 da [email protected]

Il Presidente della Covip A. Finocchiaro

Nessuno ci avrebbe scommesso un euro, neppure i gestori finanziari, ma  nel 2012 i rendimenti della previdenza complementare sono stati molto superiori a quello del Tfr: 8,2% contro il 3.3%.

La Covip ha reso noto i principali dati statistici di aggiornamento del quarto trimestre 2012. Innanzitutto si rileva la ripresa delle adesioni da 5.536.780 del 2011 si è passati a 5.866.282 del 2012, con un incremento del +6,0%

La performance   dei fondi pensione è stata veramente eccezionale: 8,2 nel 2012,  nel 2011 la perdita media  delle forme di previdenza complementare  fu del 2.7% mentre il tfr si rivalutò  del 3.5% (il tfr si rivaluta automaticamente  sommando il 75% dell’inflazione con l’1,5%). Il rendimento medio dell’anno appena concluso si aggira intorno all’8,7%, per la precisione +8.2% i negoziali e +9% gli aperti; più del doppio rispetto alla rivalutazione del trattamento di fine rapporto, che era segnalato a dicembre,  del 2.9 %, il cui  dato definitivo dovrebbe essere +3,3% netto, per via dell’inpennata dell’inflazione registrata nel corso del 2012.

Un risultato vicino del 2009, quando i negoziali avevano chiuso al 8,5%, gli aperti all’11%, mentre  i Pip le gestioni separate avevano chiuso a +3,5 .  C’è stato l’effetto spread a spingere questi risultati unito agli  andamenti particolarmente  positivi dei mercati azionari internazionali, e dei titoli di Stato europei e italiani in particolare.

Anche se, come lo stesso presidente della Covip Finocchiaro si sforza di ripetere ad ogni riunione e convegno, è improprio fare raffronti annuali sulle diverse performance fra i  fondi e le rivalutazioni del Tfr, perché le cadenze temporali non sono omogenee in quanto i rendimenti dei fondi hanno un senso solo nel lungo periodo, esso agisce come un benchmark ombra per validare o meno la bontà della previdenza previdenziale, utilizzato specialmente da coloro che ne sono contrari.

A tal proposito  vale la pena osservare, come hanno riportato anche altri, Corriere della Sera in primis,  che dal 2005, anno in cui inizia il monitoraggio della Covip, è la quinta volta su otto che la previdenza complementare ottiene risultati migliori rispetto al Tfr: che invece ha prevalso nel 2007, nel 2008 e nel 2011, complice la crisi finanziaria prima dei mutui subprime e poi dell’euro zona poi. Questi risultati dimostrano la solidità dello strumento messo a punto per proteggere la vecchiaia degli italiani ed è un duro colpo contro tutti coloro che gridavano al lupo e vaneggiavano dello scippo del Tfr. Siamo pressocchè convinti che gli anni bui sono alle spalle e che il II pilastro abbia dato ampie prova di tenuta senza scippare niente a nessuno.

Camillo Linguella

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.5/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Rendimenti 2012: La previdenza complementare fa cappotto al TFR, 8.5 out of 10 based on 2 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Lo scenario intermarket segnala interessanti figure di continuazione, ma anche chiari segnali di
Avvio brillante per il Ftse Mib che agguanta l’obiettivo grafico dei 21.500 punti. Attualmente sca
Uno dei pilastri fondativi della previdenza complementare è  l’adesione volontaria. Questo princ
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
https://youtu.be/18w1cyr7dwQ Google Pay sbarca anche in Italia. Il nuovo servizio del colosso tec
Trovare il giusto equilibrio tra lavoro, produttività e vita privata. E' il desiderio espresso da
Si amplia ulteriormente la gamma degli strumenti di investimento emessi da Banca IMI, grazie a 8
Ftse Mib: prosegue al rialzo il Ftse Mib e conferma il break dei 21.122 punti e della trend line rib
A forza di dire che piove, qualcuno prima o poi ci prende. Il difficile è capire quanto piover
Era il 24 gennaio di un ormai lontano anno del Signore 2007, quando un ragazzo qualunque apri un