Nuovo governo: un welfare universalistico e prepensionamento degli anziani. Niente sulla previdenza complementare.

Scritto il alle 09:11 da [email protected]

Nel suo discorso programmatico alla Camera, Enrico Letta,  dopo l’annuncio della revisione ( ma non restituzione dell’Imu)  ha fatto l’elenco delle buone intenzioni del suo governo urbi et orbi. Sulle politiche del lavoro e del welfare sembra di intravedere una inversione di tendenza rispetto al governo Monti. Anche se il dicastero del Lavoro passa dalla Fornero ad un altro tecnico, il “saggio” Enrico Giovannini, presidente dell’Istat,  il che non è un buon viatico in quanto i tecnici  sono adusi a misurarsi con le fredde cifre allineate sulla carta e poche volte con le persone in carne ed ossa, ci dovrebbero essere misure meno estemporanee ed improvvisate.

Nel discorso di insediamento non c’è nessun accenno alla previdenza complementare, il che è anche comprensibile. Wait and see, aspetta e vedi. Ed è quello che faremo.

Dopo aver ricordato  che  con” i lavoratori esodati la comunità nazionale ha rotto un patto, e la soluzione strutturale di questo tema è un impegno prioritario di questo Governo” sul sistema di protezione sociale Enrico Letta ha affermato:”  La riforma del nostro welfare richiede azioni di ampio respiro per rilanciare il modello sociale europeo. Il welfare tradizionale, schiacciato sul maschio adulto e su pensioni e sanità, non funziona più. Non stimola la crescita della persona e non basta a correggere le disuguaglianze. Non occorrono isterismi. Occorre un cambiamento radicale: un welfare più universalistico e meno corporativo, che sostenga tutti i bisognosi, aiutandoli a rialzarsi e a riattivarsi. Per un welfare attivo, più giovane e al femminile, andranno migliorati gli ammortizzatori sociali, estendendoli a chi ne è privo, a partire dai precari; e si potranno studiare forme di reddito minimo, soprattutto per famiglie bisognose con figli. “Hanno trovato largo consenso parlamentare nei mesi passati le proposte su incentivi al pensionamento graduale con part time misto a pensione, con una «staffetta generazionale» per la parallela assunzione di giovani. Inoltre, per evitare il formarsi di bacini estesi di lavoratori anziani di difficile ricollocazione, studieremo forme circoscritte di gradualizzazione del pensionamento, come l’accesso con 3-4 anni di anticipo al pensionamento con una penalizzazione proporzionale”.
Nel concreto questo può significare un nuovo intervento sulle pensioni e un nuovo modello di sanità pubblica di cui si è cominciato a parlare dall’inizio del governo Monti ( vi ricordate il medico di famiglia aperto 24 ore?).
Rispetto al salario minimo  anche in questo caso staremo a vedere, intanto gli euro che si risparmierebbero dalla riduzione dei costi della politica, dal taglio degli stipendi a ministri e del finanziamento pubblico dei partiti, si può già da subito aumentare il fondo stanziato per la Social Card.
Camillo Linguella

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 7.3/10 (7 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nuovo governo: un welfare universalistico e prepensionamento degli anziani. Niente sulla previdenza complementare., 7.3 out of 10 based on 7 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Analisi Tecnica Perso il supporto in area 19000 il nostrano si porta subito al test del supporto a
Ve lo ricordate il ministro delle Finanze olandese e presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsse
Ve lo ricordate il ministro delle Finanze olandese e presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsse
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buongiorno, siamo quasi arrivati al dunque sul principale indice dell’eur
DJI Giornaliero Buonasera e ben ritrovati per l’analisi sull’indice mondiale per eccellen
Setup e livelli angolari DOW JONES Setup Annuale Ultimo :2017 Range: 19667 – 24876 Uscit
La settimana ha avuto come grande protagonista il petrolio. E i mercati sembrano prendersi un pi
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di recuperare i 19.000 punti in apertura. In caso di break dei 19.