Esodati: la previdenza complementare ti da una mano

Scritto il alle 09:12 da [email protected]

Una delle più felici eredità lasciateci dalla ex ministra del lavoro Elsa Fornero, è stata la creazione di una nuova categoria di “disgraziati”: gli esodati , come se non ce ne fossero già abbastanza in giro. Gli iscritti ai fondi, senza stipendio nè pensione, si sono  un pò salvati attingendo ai capitali accumulati.  

Quando la Fornero fece la riforma delle pensioni, sicuramente si sarà posto il problema en passant, di sfuggita, senza accorgersi della portata del fenomeno. Gli esodati, infatti, sono tutti quei lavoratori anziani che,  a seguito di accordo sindacale hanno lasciato il lavoro dietro corresponsione di una somma fino alla pensione. Con le nuove regole sull’età pensionabile si sono visti da un giorno all’altro senza stipendio e senza pensione. La ministra aveva dimenticato il principio che la legge dispone per il futuro. Fatti salvi coloro che avevano raggiunto i requisiti nel 2001, la questione si poneva  per quanti avrebbero dovuto maturare i requisiti nel 2012  con possibilità di pensionamento dal 2013 in poi.

Su quanti erano costoro nessuno lo sa. Un balletto di cifre fra il governo, il presidente dell’Inps e le organizzazioni sindacali. Da 65mila si è passati progressivamente a 350 mila. Il grosso è stato sistemato e comunque anche il nuovo governo si è impegnato a risolvere il problema residuale. Il neo premier ha prospettato “una soluzione strutturale” della questione-esodati.  La proposta avanzata  punta sulla flessibilizzazione  dell’età tornando al pensionamento anticipato, come uno degli strumenti privilegiati “per evitare la formazione di bacini estesi di lavoratori anziani di difficile ricollocazione al lavoro”. Quindi ci sarà se non una nuova riforma delle pensioni almeno la modifica di questa parte. Letta  pensa a pensionamenti con 3-4 anni di anticipo con una penalizzazione proporzionale”.

Intanto gli esodati sono stati disciplinati con  la riforma del mercato del lavoro (art 4  L. 92/2012  ). L’istituto dell’esodo si diversifica dagli  altri ammortizzatori sociali» perché questi finalizzati al sostegno e al reingresso nel modo del lavoro, l’esodo uno strumento di accompagnamento dei più anziani al pensionamento. Fino a che non interverranno le modifiche del nuovo governo, la riforma Fornero (legge 214/2011), aumenta ogni anno l’età pensionabile e di fatto elimina le pensioni di anzianità perché  per accedervi bisogna maturare un determinato importo minimo, 2,8 l’importo dell’assegno sociale, circa 1000 euro al mese.

. Per l’esodato iscritto alla previdenza complementare il problema è stato lievemente meno drammatico.

Vediamo che succede agli esodati iscritti ai fondi pensione. Ricordiamo che il diritto a quella complementare  scatta solo se si ha diritto alla pensione pubblica. I dipendenti pubblici al momento fanno eccezione perché hanno diritto ancora alla pensione di anzianità. Le prestazioni pensionistiche per anzianità per i ministeriali possono essere corrisposte dopo almeno 15 anni di partecipazione al Fondo pensione e con un’età anagrafica che non può essere inferiore di oltre 10 anni a quella prevista per la pensione di vecchiaia. La cosa più ovvia è quella di pensare all’estensione della pensione anticipatacomplementare anche ai lavoratori privati. Per questi la possibilità di una prestazione anticipata è possibile con un anticipo massimo di cinque anni di età  e con una inoccupazione superiore a 48 mesi.

Va  ricordato che la norma  (D.Lgs. 252/05, art. 14, comma 2) prevede  altre prestazioni

Damiana Matrantuoni – Mefop

che hanno  fornito una specie di boccata d’ossigeno anche se insufficiente ai bisogni dei  più anziani e che erano   prossimi alla pensione. Infatti i lavoratori iscritti ai fondi pensione,  che si sono visti spostare in avanti la data di pensione, perdendo l’erogazione dell’indennità di mobilità sino al pensionamento secondo i vecchi requisiti, hanno subito presentato domanda di anticipazione e di riscatto.. Il lavoratore esodato in seguito alla nuova procedura ha il diritto di richiedere il riscatto parziale ma non a quello totale che viene riconosciuto in caso di inoccupazione perdurante ma  non esercitabile come abbiamo visto nei 5 anni che precedono il raggiungimento dei requisiti per la pensione obbligatoria. Qui c’è da modificare, perché inizialmente lo scopo di questa limitazione era quella di impedire, un realizzo di tipo finanziario da parte di soggetti ormai prossimi alla pensione. Prima poteva essere una speculazione, ora una necessità. E’ chiaro che se non ci sono anche i 48 mesi di inoccupazione i fondi negano la pensione complementare. Tutti allora a chiedere il riscatto per perdita dei requisiti attingedendo dal capitale accumulato..Le ripercussioni che  riverberano anche su quei pochi che avevano aderito ad un fondo pensione di previdenza complementare sono stati abbondantemente sviscerati da Mefop che con uno studio di Damiana Mastrantuoni su Osservatorio giuridico MEFOP n. 31/2013.

E’ ovvio infine che pur  senza poter fornire pensioni complementari, i fondi pensione anche in quest’arco di tempo, con i riscatti  e le anticipazioni, hanno svolto un significativo ruolo di “welfare sostitutivo” laddove l’intervento pubblico non è statonè  immediato nè adeguato.

Camillo Linguella

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 5.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Esodati: la previdenza complementare ti da una mano , 5.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
La formazione rimane un elemento centrale in ActivTrades che ha già preparato gli appuntamenti form
Deutsche Bank: trimestrale BOOM, ma forse i motivi sono molto più profondi di quanto possiate pen
Avvio tranquillo per il Ftse Mib che col passare dei minuti sembra prendere consapevolezza della pro
Elucubrazioni sparse: pensieri in una notte ricca di fulmini e saette. In una sera di mezza estat
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Continua il momento positivo per la borsa USA e il COT conferma una tendenza positiva. Ma l'interm
Per tante motivazioni, più volte spiegate qui sul blog e nel video di TRENDS, l’oro è stato
Se cercavate il cigno nero, forse cercatelo in vesti diverse, magari mascherato con un parrucchi