Alla ricerca di nuove strade per finanziare le PMI con le risorse dei Fondi Pensione

Scritto il alle 08:39 da [email protected]

Si apre  un nuovo fronte per accaparrarsi le risorse economiche dei Fondi Pensione. Stavolta in favore delle PMI. Ma lo strumento proposto convince poco

In un paese stremato, che ancora non riesce ad uscire dalla crisi economica, tutti si affannano a trovare ricette risolutive. Il governo con la legge di stabilità che punisce tutti, in particolar modo i pensionati, è convinto di aver trovato la “quadra” del problema, rastrellando un po’ di qua ed un po’ di là. Esiste però un problema di liquidità non risolvibile con l’introduzione di nuove tasse. Da qui la ricerca di denaro fresco, magari poco costoso, dove esistente.

E infatti come abbiamo riportato in un precedente post, il governo vuole convincere i Fondi Pensione a comprare titoli di Stato in misura maggiore di quanto fatto finora.

Ora, per una pura coincidenza temporale, si apre  un nuovo fronte per accaparrarsi le risorse economiche dei Fondi Pensione a favore delle PMI. Ma lo strumento proposto, il “ Fondo Debito”,  convince poco.

Si è svolto a Roma il 22 ottobre 2013 un seminario organizzato da Assoprevidenza (Associazione Italiana per la Previdenza Complementare) e FeBAF, (Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza) con il supporto di Perennius Partners Group, una società di gestione del risparmio e Prometeia, un’associazione di ricerca e analisi macroeconomica, previsioni sull’economia italiana e internazionale.

E’ sotto gli occhi di tutti lo stato in cui versano le piccole e medie imprese italiane, impossibilitate sovente ad avere accesso al credito bancario a causa della crisi. Poichè è presumibile che le banche restringeranno ulteriormente i loro finanziamenti, diventa prioritario trovare nuove forme di finanziamento a lungo termine per le PMI. .

Sergio Corbello, presidente di Assoprevidenza, ha aperto il seminario illustrando lo strumento finanziario del “fondo di debito” o credit fund, molto diffuso sui mercati finanziari

Sergio Corbello, presidente di Assoprevidenza

esteri, ma non in Italia. I fondi di debito possono svolgere questa funzione. Il problema è chi mette i soldi in questi fondi dove le Pmi possono attingere

Le piccole e medie imprese non quotate, grazie al governo Monti, possono emettere i cosiddetti ‘mini-bond’ e cambiali finanziarie senza le restrizioni quantitative e le penalizzazioni fiscali che bloccavano in precedenza questa forma di finanziamento.  I ‘fondi di debito’ sono fondi d’investimento che erogano finanziamenti tramite sottoscrizione di emissioni obbligazionarie.

Molte Pmi si trovano in difficoltà momentanea, hanno portafogli di ordini molto consistenti, ma non trovano i soldi per andare avanti  nell’immediato. E  a differenza  delle grandi aziende non hanno facile accesso alle banche o al mercato del capitale Così per loro la prospettiva e poco rosea. Non bisogna dimenticare i tanti imprenditori che si sono tolti la vita e magari bastava un prestito per salvare loro stessi e la loro azienda. Sbarcare in Borsa con la loro ridotta dimensione è difficile. Emettere mini-bond e non trovare poi compratori  è altrettanto pericoloso, perché le società che zoppicano difficilmente troveranno finanziatori emettendo mini-bond. Le risorse economiche possono metterle i  soggetti istituzionali come le fondazioni, i fondi pensione, le assicurazioni: nel loro portafoglio c’è posto per tante cose ma, finora, non per il nuovo debito delle Pmi.  Ecco secondo i promotori del seminario i Fondi pensione possono svolgere un ruolo da protagonista, ruolo anche parzialmente sostitutivo alle banche, nell’approvvigionamento di credito.

E’ stato invocato l’ emanazione del nuovo DM 703/96, il decreto ministeriale del Tesoro che stabilisce le forme di investimento della previdenza complementare. Ormai la previsione del nuovo decreto sugli investimenti è diventato una specie di mantra.

In questo nuovo decreto, gli organizzatori del Seminario auspicano che ci dovrà essere oltre alla revisione delle modalità d’investimento di casse previdenziali e fondi pensione, anche in certo qual modo la promozione dei Credit Found. Rimane sempre il problema di come mettere in sicurezza questi investimenti che sono risparmi dei lavoratori.  E’ indubbio che nessuno può sottrarsi all’obbligo di consentire  l’accesso ai finanziamenti per le piccole e medie imprese, ma è altrettanto vero che qualcuno deve fornire le opportune garanzie del ritorno del capitale.

Io penso che una fonte di finanziamento potrebbe venire dal Fondo tesoreria Inps che raccoglie il Tfr dei lavoratori delle imprese superiori a 50 dipendenti e non hanno aderito alla previdenza complementare.

Camillo Linguella  

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Stoxx Giornaliero Buongiorno, siamo quasi arrivati al dunque sul principale indice dell’eur
DJI Giornaliero Buonasera e ben ritrovati per l’analisi sull’indice mondiale per eccellen
Setup e livelli angolari DOW JONES Setup Annuale Ultimo :2017 Range: 19667 – 24876 Uscit
La settimana ha avuto come grande protagonista il petrolio. E i mercati sembrano prendersi un pi
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di recuperare i 19.000 punti in apertura. In caso di break dei 19.
Dilettanti. Dilettanti allo sbaraglio. E la cosa grave che spesso, oltre che essere dilettanti,
Mentre infuria il dibattito sulle penalizzazioni implicite connesse a quota 100, e l’umore degli i
Alla fine avevo ragione, è bastata una rapida lettura delle quasi 600 pagine dell'accordo capes
Dare feedback, comunicare in modo chiaro ed efficace, ma anche trasmettere entusiasmo e saper bilanc