Covip: i fondi possono dare indicazioni sugli strumenti di investimento finanziario

Scritto il alle 09:11 da [email protected]

Il processo d’investimento dei fondi pensione, in genere vede la definizione  dell’Asset Allocation Strategica (procedura che definisce la composizione dei portafogli d’investimento nei quali saranno investite le risorse)  da parte del Cda ed affida la realizzazione assieme all’ l’Asset Allocation tattica ad un  gestore finanziario, selezionato con una pubblica procedura.

L’incarico di gestione delle risorse finanziarie assegnato dal fondo pensione gestore è classificato in base alle stesse categorie utilizzate per i fondi multi comparto.  I comparti a loro volta sono classificati in base alle seguenti categorie:
–         obbligazionario puro (solo obbligazioni con esclusione dell’investimento in azioni);
–         obbligazionario misto (è consentito l’investimento in azioni, che assume carattere residuale e comunque non superiore al 30 per cento);
–         azionario (almeno il 50 per cento del comparto è investito in azioni);
–        bilanciato (in tutti gli altri casi).
Gli Intermediari finanziari abilitati alla gestione delle risorse dei fondi pensione sono soggetti esperti  del settore  finanziario che operano in base alle indicazioni del CdA.
Infatti possono svolgere l’attività di gestione finanziaria solo le SGR ( Società di gestione del Risparmio, le SIM,  Società di intermediazione mobiliare), le banche  e le assicurazioni.

Ma i Fondi effettuano un  controllo  continuo della gestione e  procedendo al  monitoraggio della  gestione finanziaria e le performance conseguite, analizzando le cause degli eventuali disallineamenti dai rendimenti attesi, possono  provvedere, di volta in volta, agli aggiustamenti che credono opportuni, anche radicali.
Ma possono dare anche indicazioni precise, puntuali di come fare gli investimenti indicando perfino gli strumenti finanziari?

Infatti un’Associazione  di categoria si è rivolta alla Covip chiedendo  un parere in
merito alla possibilità che le forme pensionistiche complementari diano al gestore finanziario indicazioni  specifiche sugli  strumenti finanziari in cui investire.
La richiesta di parere verte, in particolare, sull’eventualità che la forma di previdenza complementare ritenga opportuno procedere, a causa delle  attuali prospettive di mercato, alla sottoscrizione, per il tramite del gestore, di quote di OICR (Organismi di investimento collettivo del risparmio) alternativi con  caratteristiche tecniche sostanzialmente vicine a quelle conferite nel mandato di gestione.
Come prospettato nella richiesta di parere, la forma pensionistica chiederebbe poi al soggetto gestore di compiere una valutazione professionale sugli strumenti finanziari individuati, al fine di procedere all’investimento successivamente all’apprezzamento della congruità e della potenziale profittabilità dell’operazione.
Quanto richiesto è in linea con il sistema delineato dal d.lgs. n. 252 del 2005, che detta un “regime speciale” in cui il cliente, cioè il fondo, ove intenda dare specifiche indicazioni al gestore, deve essere coadiuvato dal gestore stesso nelle valutazioni di opportunità dell’investimento e nella realizzazione dell’operazione.

Nel caso particolare degli OICR, e ancor più di quelli alternativi, le indicazioni sono ammissibili purché coerenti con i principi che regolano i rapporti contrattuali.
Si ritiene pertanto che i fondi pensione possano impartire indicazioni al gestore in ordine agli investimenti da effettuare a condizione che le stesse siano coerenti con le linee di indirizzo della gestione e con il mandato già conferito.
Infatti quando gli OICR alternativi sono già compresi nel mandato di gestione, rientra tra le
facoltà del fondo pensione.
Altra situazione è quella in cui l’investimento in OICR alternativi non sia attualmente prevista nelle linee di indirizzo della gestione e nelle convenzioni con i gestori.
In questo caso il fondo, una volta riviste le proprie linee di indirizzo della gestione, e
aggiornato il documento sulla politica di investimento, può operare la revisione
anche del mandato di gestione affidato al medesimo gestore. Ciò a condizione che il sottostante investibile da parte degli OICR alternativi individuati sia sostanzialmente compatibile con gli asset class indicati nel mandato di gestione.
Se non c’è  compatibilità, il fondo dovrà procedere alla selezione ex novo di un gestore per detti strumenti.
Resta poi da valutare se nel frattempo, nell’arco di tempo  della modifica del documento sulla politica di investimento e dei mandati di gestione o comunque in presenza di ragioni contingenti e transitorie, il fondo possa fornire,  le predette indicazioni al gestore.
Secondo la Covip, come ha fatto presente nella nota della risposta al quesito, “Tale ipotesi può essere ritenuta ammissibile, con il consenso del gestore con il quale saranno concordati anche i relativi obiettivi, unicamente per periodi limitati e in presenza di momentanee e particolari situazioni di mercato.”
Di quest’ultime operazioni dovrà essere data successiva informativa alla COVIP, precisando l’oggetto dell’investimento e i relativi obiettivi.
Quanto infine alla scelta degli strumenti finanziari, si ricorda che in ogni caso si dovrà tenere  in considerazione la normativa tempo per tempo vigente in materia di limiti agli investimenti delle forme pensionistiche complementari.

Camillo Linguella

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Analisi Tecnica Rimaniamo sempre in una fase di congestione con il supporto di breve a 21500 che st
Stoxx Giornaliero   Buongiorno a tutti, Stoxx che conferma l’inizio del nuovo ciclo
DJI Giornaliero Buonasera a tutti, ripartiamo con l’analisi del Dow Jones, dopo che l’ult
Settimana che all'apparenza sembra tipicamente estiva, non tanto per il clima ma per gli eventi
Ftse Mib: apre in gap down il listino tricolore italiano che rompe in apertura i 21.750 punti. Impor
Con la sua relazione tecnica sugli effetti del decreto dignità sul mercato del lavoro, e la sua aud
Ormai vi sarete annoiati dei miei moniti sulla Cina. Un paese che ha un debito societario e priv
Etvoilà, all'improvviso il popolo di Icebergfinanza si rese conto di quanto importanti siano le
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )