A quando il pagamento dei Tfs e dei Tfr degli statali prepensionati

Scritto il alle 09:17 da [email protected]

inps cartelloMa quando si deve aspettare per avere pagato il tfr o tfs si chiedono gli statali mandati anticipatamente a casa? Vediamo di chiarire un’ingarbugliata matassa di cui neppure gli addetti ai lavori a volte hanno le idee precise. I tempi di attesa variano a seconda della data di maturazione del diritto alla pensione, se entro il 31 dicembre 2011, oppure maturazione del diritto a decorrere dal 1° gennaio 2012 con diritto alla decorrenza della pensione entro il 31 dicembre 2016.
Le linee d’azione dei provvedimenti sono molto chiare, meno chiare l’applicazione.

L’azione governativa sui dipendenti pubblici, dal ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta in poi, , si è sviluppata secondo due direttrici, in una sostanziale continuità di linea di condotta con un solo fine, il contenimento della spesa pubblica:
1. Riduzione al massimo il numero dei pubblici dipendenti attraverso il prepensionamento obbligatorio;
2. dilazionare quanto più possibile il pagamento del trattamento di fine rapporto o fine servizio, rateizzandone gli importi.

Quando si decise l’attuazione di questa politica, per nascondere i veri termini della questione si dette vita ad una vera e propria campagna mediatica di occultamento di queste direttrici: Brunetta aprì la caccia al “pubblico dipendente fannullone”, mettendo in primo piano qualche esempio eclatante per conquistare il consenso dell’opinione pubblica che non aspettava altro per scaricare su di essi il loro malumore, frutto delle loro difficoltà economiche e lavorative.
Un po’ come si fa con i falsi invalidi. Dietro l’esibizione del cieco che guida e del paralitico che corre i 100 metri, spesso di nasconde la riduzione di migliaia di casi assolutamente ingiustificati che poi vengono esibiti nelle statistiche pubbliche come esempio di virtuosa amministrazione pubblica, ignorando che dietro ogni numero portato in diminuzione sovente si nasconde un’ingiustizia per un sofferente. .
Così attraverso l’emanazione di alcuni decreti legge, convertiti, modificati interpretati eccetera (*), è stato disposto il prepensionamento dei dipendenti pubblici in “sovrannumero” o “eccedenti”. Già questa differenzazione la dice lunga su quanto sia difficile superare il bizantinismo lessicale della burocrazia, in modo da poterci far ricamare successive interpretazioni, ricorsi al tar e mobilitazioni sindacali .

Questi provvedimenti normativi hanno disposto la riduzione degli uffici dirigenziali e delle dotazioni organiche delle amministrazioni dello Stato. Per effetto di tali riduzioni, le situazioni di “soprannumerari età” o di “eccedenza di personale” che sono derivate dal raffronto tra i dipendenti in forza e le dotazioni di ciascuna amministrazione, sono risolte collocando in pensione, senza bisogno di alcuna motivazione, quei lavoratori che risultino in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi vigenti prima della legge Fornero e che avrebbe comportato la decorrenza del trattamento medesimo entro il 31 dicembre 2016.
L’Inps è dovuto intervenire una prima volta con la circolare n. 79 del 23/6/2014 ed ora con messaggio n. 8680 del 12/11/2014.
A decorrere dal 1° gennaio 2013, l’ accesso alla pensione, tiene conto dell’adeguamento alla speranza di vita con un incremento di 3 mesi. Gli aumenti della speranza di vita non si applicano a chi ha 40 anni di contributi indipendentemente dal requisito anagrafico, se maturati prima della Fornero. Anche il requisito dei 65 anni non è incrementato degli adeguamenti alla speranza di vita.
La liquidazione della liquidazione
Nei confronti del personale in esubero pre pensionato, sono previste diverse decorrenze del diritto al trattamento di fine rapporto, comunque
denominato, in relazione alla data di maturazione del diritto alla pensione.
È il giorno di inizio della decorrenza del termine ( dies a quo) varia a secondo se il dipendente ha maturato i requisiti pensionistici al 31 dicembre 2011 oppure li maturi entro il 31 dicembre 2016, sempre secondo la legge ante Fornero.
Per coloro che hanno maturato il diritto entro il 12/8/2011, il paramento della liquidazione ( tfs o tfr) è di 105 giorni dalla cessazione se per limite di età o 40 anni di contributi, di 6 mesi per dimissioni.
Dal 12/8/2011 al 31/12/2011, 6 mesi per limiti di età o 40 anni di contributi, 24 mesi per dimissioni.

Maturazione dei requisiti a dal 1° gennaio 2012 con decorrenza della pensione entro il 31 dicembre 2016
Per i dipendenti che maturano i requisiti, dal 1.1.2012, il termine per il pagamento del Tfs o del Tfr decorre non dalla cessazione dal servizio ma dal momento in cui avrebbero maturato il diritto sulla base dell’art. 24 del decreto legge 201/2011.
Per individuare i termini per il pagamento occorre vedere:
• il tipo di pensione cui gli interessati avrebbero diritto se fosse applicato l’art. 24 del D.L. 201/2011;
• se il requisito pensionistico in deroga (cioè in base alla normativa ante Fornero ) sia stato maturato entro il o successivamente al 31
dicembre 2013 in quanto, a seguito delle modifiche introdotte in materia di rateizzazione e di nuovi termini di pagamento dei Tfs e dei Tfr per i dipendenti pubblici, il termine di pagamento in caso di pensionamento per limite di età è di sei mesi se il requisito è stato conseguito entro il 31 dicembre 2013 e di 12 mesi se dopo la stessa data.
In sostanza bisogna vedere quale diritto teorico si raggiunge per primo, se di anzianità il termine è di 24 mesi, se di vecchiaia 6/12 mesi.

Sulla circolare n Inps n. 79 ci sono alcuni esempi che meglio chiariscono la situazione.
Tuttavia poiché la questione è più ingarbugliata di quanto si potesse pensare, l’Inps è ritornato sull’argomento con il messaggio 8680 del 12/11/2014.
In linea generale, qualora non operi alcuna deroga all’applicazione della disciplina generale, si deve tener conto della causa e della data di cessazione dal servizio ai fini dell’applicazione del corretto termine di pagamento secondo le istruzioni diramate con la circolare n. 73 del 5 giugno 2014.
Per esempio, se la cessazione del rapporto di lavoro e la maturazione del diritto a pensione sono intervenuti dopo il 31 dicembre 2011 e prima del raggiungimento del limite di età ordinamentale, la prestazione non può essere messa in pagamento prima di 24 mesi, a prescindere dai 40 anni di anzianità contributiva.

Vedi lo schema dei termini di pagamento
Risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro e termini di pagamento di Tfs e dei Tfr
La legge 11 agosto 2014, n. 114 stabilisce che con decisione motivata con riferimento alle esigenze organizzative e ai criteri di scelta applicati e senza pregiudizio per la funzionale erogazione dei servizi, le pubbliche amministrazioni possono, a decorrere dalla maturazione del requisito di anzianità contributiva per l’accesso al pensionamento,secondo i criteri della Fornero, risolvere il rapporto di lavoro. con conseguente applicazione del termine di pagamento ordinario di 24 mesi.
Camillo Linguella

(*) legge 7 agosto 2012, n. 135, di conversione, con modificazioni, del decreto legge 6 luglio 2012, n. 95;
decreto legge 31 agosto 2013 n. 101, convertito con modificazioni dalla legge
30 ottobre 2013 n. 125;
legge 11 agosto 2014, n. 114, di conversione al decreto legge 24 giugno 2014, n. 90;
circolare n.3 del 29 luglio 2013 del Dipartimento della Funzione Pubblica;
circolare n. 4 del 28 aprile 2014del Dipartimento della Funzione Pubblica.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
A quando il pagamento dei Tfs e dei Tfr degli statali prepensionati, 8.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Finalmente esiste il testo sul taglio delle pensioni d’oro. Annunciato all’inizio di agosto, è
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Stoxx Giornaliero Buonasera a tutti, guardiamo un po’ cos’è successo al nostro indice di
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base
T-1 [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 [3-5 Giorni] (h. yy)[Base Dati: 15 minuti]
Velocità T-2 / T-1 / T / T+1 [Base Dati: 15 minuti] Velocità T-2 / T-1 / T / T+1[Base Dati:
DJI Giornaliero   Buonasera a tutti, rieccoci con il nostro appuntamento mensile che
Lo scenario intermarket segnala interessanti figure di continuazione, ma anche chiari segnali di
Avvio brillante per il Ftse Mib che agguanta l’obiettivo grafico dei 21.500 punti. Attualmente sca
Uno dei pilastri fondativi della previdenza complementare è  l’adesione volontaria. Questo princ