Archivi del mese: settembre 2015

Scritto il alle 07:55 da [email protected]

La riforma delle pensioni oltre che necessaria è anche urgente. Senza modificare le regole e senza rilanciare alla grande la previdenza complementare, la prospettiva per i giovani, le donne e i lavoratori precari e discontinui, è di raggiungere il diritto … Continua a leggere




Scritto il alle 08:48 da [email protected]

Il Disegno di legge sulla concorrenza, AC 3012 è approdato in Aula alla Camera a metà settembre e, se celermente approvato sarà trasmesso al Senato per la definitiva approvazione. I tempi sono più lunghi di quelli previsti, ma non è … Continua a leggere




Scritto il alle 08:25 da [email protected]

Sembra che fra i lavoratori che più sono in ansia per il loro futuro previdenziale, il picco sia raggiunto dagli attuali quarantenni , quelli nati attorno agli anni 60 e 70. Le preoccupazioni sul futuro stanno spingendo sempre più in … Continua a leggere




Scritto il alle 08:58 da [email protected]

Il risparmio previdenziali, uno dei più garantiti i tutelati fra le forme di investimento, nonostante i rendimenti e la trasparenza dei fondi, continua a spaventare i lavoratori. Anche perché ignorano i meccanismi degli investimenti nel lungo periodo. L’auspicata maggiore semplicità … Continua a leggere




Scritto il alle 09:16 da [email protected]

I fondi pensione e le altre forme complementari hanno avuto lo scorso anno risultati di tutto rispetto. E’ il modo più chiaro per incrementare le adesioni alla previdenza complementare. Specie se la ripresa si consolida. Nella previdenza complementare del nostro … Continua a leggere




Scritto il alle 08:42 da [email protected]

Pensioni out – Esodati e donne al palo Le pensioni escono dall’agenda del governo, almeno fino a questo momento. L’incontro di ieri del sottosegretario Baretta con i rappresentanti sindacali e del Comitato Donna non ha prodotto nessun risultato soddisfacente. Anzi … Continua a leggere




Scritto il alle 09:01 da [email protected]

Nella trasformazione del rapporto di lavoro dal settore pubblico a quello privato è importante tutelare l’aspetto pensionistico – previdenziale. Chi è iscritto alla previdenza complementare trasferisce la posizione al nuovo fondo di riferimento. Anche se meno frequente che nel passato, … Continua a leggere




Scritto il alle 09:03 da [email protected]

Le attività dei principali fondi pensione sono raddoppiate negli ultimi dieci anni: L’Italia anche se in coda incrementa la raccolta, ma la collaborazione degli asset  con la Cassa depositi e Presiti è svanita. Secondo l’indagine annuale Pensions & Investments di … Continua a leggere




Scritto il alle 08:56 da [email protected]

Povero Poletti, fa tenerezza. E comunque visto che non si dimette mai, è anche un ottimo incassatore. Appena qualche giorno fa aveva dichiarato che sulle pensioni qualcosa si poteva fare, anche a costo di spendere degli euro. Non si erano … Continua a leggere




Scritto il alle 09:01 da [email protected]

Il dibattito sulla riforma delle pensioni impazza. Ognuno dice la sua ed il ministro del lavoro, forse impressionato dalla ripresa (che non c’è) pare disposto anche a spendere degli euro. Ma finchè il rapporto fra lavoratori attivi e pensionati è quasi … Continua a leggere




Articoli dal Network
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla