Archivi del mese: marzo 2017

Scritto il alle 08:44 da [email protected]

Stando agli ultimi dati Istat di inizio anno, siamo di fronte ad una società dove i giovani sono rari e ancora più rari sono diventati i neonati, 85.000 in meno rispetto all’anno precedente. Anche le regioni meridionali, in genere più … Continua a leggere




Scritto il alle 08:08 da [email protected]

Con circolare del 22 marzo 2017 la Covip ha comunicato ai fondi pensione chiuisi e aperti e alle società che gestiscono Pip, i piani individuali di previdenza, le disposizioni per applicare la cosiddetta Rita, la Rendita integrativa temporanea  anticipata che … Continua a leggere




Scritto il alle 09:06 da [email protected]

Il 25 marzo del 1957 furono firmati a Roma da sei paesi, Italia, Francia, Germania, Olanda, Belgio e Lussemburgo, i trattati istitutivi della Comunità Europea. Sabato scorso 25 marzo 2017, in una città blindata, è stato celebrato il 60 anniversario … Continua a leggere




Scritto il alle 08:24 da [email protected]

Ieri c’è stato l’incontro a Roma tra il ministro del Lavoro Poletti e i segretari generali di Cgil, Cisl e Ui sulla cosiddetta “fase due” che prevede fra l’altro l’istituzione della pensione minima di garanzia, la diminuzione del cuneo fiscale … Continua a leggere




Scritto il alle 08:25 da [email protected]

L’epoca dei posto fisso è finito praticamente dagli anni 80 e  si va avanti con lavori saltuari un po’ qua e un po’ là, con la conseguenza, quando questi lavori non siano fatti in nero, di essere iscritti a diversi … Continua a leggere




Scritto il alle 08:28 da [email protected]

Il Convegno di Primavera promosso da Itinerari Previdenziali coordinato da Alberto Brambilla si è tenuto a Roma lo scorso 15 marzo 2017.  Il Convegno ha avuto per oggetto il tema della ricerca di investimenti che diano un qualche rendimento in … Continua a leggere




Scritto il alle 08:31 da [email protected]

A tutt’oggi i decreti attuativi per la concessione dell’Ape non sono stati ancora emanati, ma sicuramente al ministero del lavoro stanno lavorando  attorno ad essi. I punti da chiarire e da definire sono molteplici e si spera che siano pronti … Continua a leggere




Scritto il alle 09:02 da [email protected]

E’ finalmente partito il Piano nazionale contro la povertà dopo il via libera definitivo del Senato al ddl che introduce il reddito di inclusione (REI). La spesa per quest’anno è di 1,6 miliardi che diventeranno strutturali e pari a 1,8 … Continua a leggere




Scritto il alle 08:48 da [email protected]

Fino alle prime riforme pensionistiche degli anni 90 e l’introduzione della previdenza complementare con il decreto legislativo 124 del 1993, il welfare pubblico era indiscutibilmente universale e l’onere  a totale carico della collettività, cioè delle finanze pubbliche. Da allora  il … Continua a leggere




Scritto il alle 08:48 da [email protected]

Rieccoci a celebrare l’8  marzo!  Potrei ripubblicare lo stesso articolo dello scorso anno. rispetto al quale  la situazione è rimasta pressocchè immutata. Laddove si sono registrati dei mutamenti, sono di segno negativo. Secondo i dati Istat del 5 marzo scorso, … Continua a leggere




Articoli dal Network
Mancano ancora dei segnali importanti ma guardando i grafici intermarket sembra proprio che ci s
Da Montalbano ai Cesaroni, da Don Matteo a Rocco Schiavone, quanto costano le case nell’Italia
In molti si sono chiesti in questi giorni: “ma come è possibile far salire i tassi di interes
Ftse Mib: dopo la rottura di ieri dei 22.500 punti l'indice tricolore oggi intende recuperare tale l
Due sono i temi che appassionano da sempre e che hanno impatti mediatici oscillanti a seconda del co
sho Italia, la principessa sullo spread, questo probabilmente sarà il titolo del mio prossimo li
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Et voilà. Intermarket docet. Ne ho parlato copiosamente nei giorni scorsi e soprattutto nel vi
Ftse Mib: il Ftse Mib apre debole oggi e si mantiene ancora sul supporto statico dei 22.500 punti. N
Alla fine avevano ragione loro, Galbraith e Friedman le banche centrali servono a poco o a nulla