Covip : Adesioni in forte crescita, reggono i rendimenti

Scritto il alle 09:27 da [email protected]

Esiste-ancora-la-previdenza-complementare-in-Italia[1]La Covip, l’Autorità di Vigilanza sulla Previdenza Complementare e le Casse dei professionisti ha pubblicato i principali dati statistici relativi a giugno 2016.
Le adesioni alla previdenza complementare alla fine del primo semestre del 2016, sono circa 7,5 milioni; al netto delle uscite, la crescita nel primo semestre dell’anno è stata di circa 280.000 unità (3,9 per cento).
Gli iscritti ai fondi negoziali di categoria sono saliti di circa 110.000 unità (4,6 per cento), attestandosi a fine giugno a quota 2,529 milioni; l’aumento è dovuto quasi esclusivamente alle adesioni relative al Fondo Prevedi che ha istituito un meccanismo di adesione automatica su base contrattuale; anche il Fondo Perseo Sirio ha registrato un incremento significativo delle adesioni che oggi sono circa 40.000. Gli iscritti ai fondi aperti sono aumentati di 50.000 unità (4,5 per cento) per un totale a fine giugno di circa 1,2 milioni. Nei PIP “nuovi” le adesioni “sono 2,714 milioni, circa 120.000 unità in più (4,6 per cento) nei primi sei mesi del 2016, confermando i segnali di rallentamento del trend di crescita già osservati nel 2015.
Le risorse in gestione Alla fine di giugno 2016, il patrimonio accumulato dalle forme pensionistiche complementari si è attestato a 143,7 miliardi di euro, in aumento di 2,6 punti percentuali rispetto alla fine del 2015. Le risorse dei fondi negoziali ammontano a 44,1 miliardi, in crescita del 3,6 per cento. I PIP “nuovi” dispongono di un patrimonio di 21,6 miliardi e i fondi aperti di 16 miliardi; l’incremento dall’inizio dell’anno è stato, rispettivamente, del 7,6 e del 3,6 per cento.
I rendimenti I risultati delle forme pensionistiche complementari hanno risentito dell’andamento contrastato dei mercati finanziari nel corso del primo semestre dell’anno. Le turbolenze hanno interessato soprattutto i titoli azionari; non ne hanno risentito i corsi obbligazionari, continuando a beneficiare dell’orientamento espansivo delle politiche monetarie adottate dalle banche centrali. I rendimenti medi aggregati, al netto dei costi di gestione e della fiscalità, si sono attestati all’1 per cento nei fondi negoziali; risultati più elevati si sono osservati nelle linee a maggior contenuto obbligazionario e anche in quelle bilanciate; il rendimento dei comparti azionari è stato negativo. Nei fondi aperti e nei PIP “nuovi” di ramo III, caratterizzati in media da una maggiore esposizione ai titoli di capitale, i rendimenti medi aggregati sono stati negativi: rispettivamente, -0,4 e -2,1 per cento. A livello di tipologia di linea di investimento, solo i comparti obbligazionari e garantiti hanno conseguito risultati positivi.
Nel primo semestre del 2016 il TFR si è rivalutato, al netto delle tasse, dello 0,6 per cento.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Riprendendo una vecchia canzone di Vasco Rossi, non sono certo i nuovi massimi che fanno paura ai
Questa sera alle 16.00 si svolgerà il webinar UniCredit con ospite Stefano Fanton, trader profes
Velostazione, corsi a distanza e un master interno sono le ultime attività che Eni sta sviluppando
Conoscere i principi della finanza e delle pensioni è meglio che ignorarli, detta così sembra una
Torniamo ancora una volta sulla questione dei siti dove trovare informazioni inerenti le criptov
Oplà, ti pareva che qualcuno, in particolare quelli della CNBC, non facessero uscire la notizia
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Mercato azionario: titoli value e momentum a confronto I dati macroeconomici continuano ad uscire
Le rimodulazioni tariffarie sono ormai una consuetudine tra gli operatori di telefonia mobile (e fis
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv