Come investe l’Enpam

Scritto il alle 09:03 da clinguella@finanza

Su Ipe Magazine del corrente mese di dicembre c’è una conversazione di Giorgio Ricci, capo investimenti dell’Enpam raccolta da Carlo Svaluto Moreolo. IPE è una società leader in Europa per gli investitori istituzionali e di tutti i soggetti che seguono le vicende dei fondi pensione. Segue con attenzione le vicende del secondo e del terzo pilastro dei paesi europei a partire dalla Gran Bretagna. Raramente si occupa delle vicende italiane, anche a causa dello scarso sviluppo della nostra seconda gamba pensionistica. Per cui siamo andati a curiosare un poco.
ENPAM (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Medici) vuole essere più di un semplice ente pensionistico. Fondato nel 1937, fornisce prestazioni di vecchiaia del primo pilastro e di assistenza per i medici di base ed odontoiatri in Italia. E ‘ uno dei fondi pensione più grande d’Italia e uno dei più grande investitori immobiliari del paese. • Attività: € 19 miliardi (al 31 agosto 2016)
• Stima 2017 afflussi / deflussi (): € 2,5 miliardi / (€ 1,7 miliardi)
. Il management di Enpam sente fortemente di giocare un ruolo dinamico nella vita italiana giorg_300e a seguito dei terremoti che hanno colpito l’Italia centrale negli ultimi mesi, il Fondo è stato molto attivo nel sostenere le regioni colpite.
Questa visione ha ispirato un impegno per gli investimenti relativi alle missioni – progetti. Emilio Giorgi, direttore del settore investimenti dell’Ente previdenziale, afferma che sono in aumento gli investimenti all’interno, o comunque connessi col settore sanitario. Questa strategia dovrebbe aiutare il fondo a raggiungere i suoi obiettivi di sostenibilità a lungo termine, ma anche a beneficio futuro dei suoi membri. Si pensa di destinare il 5% degli attivi a investimenti relativi alle missioni proprie dell’ente.
Giorgi è un esperto nel settore finanziario, avendo lavorato nella City di Londra per imprese, come Barclays, Citi, Morgan Stanley, Swiss Re e Merril Lynch, diventando responsabile degli investimenti (CIO) dell’ Enpam nel 2014, quest’anno, il suo ruolo è cambiato da CIO a chief risk officer.
Così spiega Giorgi: “Investire nel nostro settore significa investire in tecnologie all’avanguardia. L’ aumento della longevità rafforza il ruolo centrale della ricerca medica e delle cure, e che continuerà per il prossimo futuro “.
Recentemente l’ Enpam ha aumentato la sua esposizione nel settore sanitario attraverso il suo portafoglio di private equity. All’inizio del 2015, il fondo ha impegnato € 150m attraverso Principia III, un fondo italiano di venture capital specializzato in aziende in fase iniziale. Un’altra tranche di € 80m è stata investita in servizi sanitari residenziali. Lo schema esaminato è quello adottato sia l’Italia e che in Germania – dove il modello di assistenza a lungo termine è diverso da quello in Italia – in quanto la domanda è ancora forte e rischi sono relativamente bassi.
L’appello di investire in attività relative alla longevità e la cura è sostenibile. “Come paese, abbiamo un sistema di welfare pubblico che sta subendo una profonda trasformazione a causa della carenza di finanziamenti. Tuttavia, la tradizione culturale della cura degli anziani non sta andando via.
Concentrarsi sulla sostenibilità a lungo termine è un principio guida della strategia degli investimenti Enpam. Da un punto di gestione patrimoniale puro minimizzare la volatilità degli investimenti ha la precedenza su rendimenti elevati. Per questa ragione, non abbiamo bisogno di investire in progetti in fase iniziale che richiedono molta ricerca e sviluppo, pur se promettono rendimenti elevati. Si preferisce investire in qualcosa di consolidato. Ma quando si tratta del settore medico, la professione medica, L’Enpam è in grado di permettersi di investire in attività più rischiose. “Quando si tratta di settori delle infrastrutture e dell’energia, il regime favorisce progetti di ristrutturazione di vecchi siti o progetti. Questa non è una strategia di investimento standard. Siamo sicuramente interessati a infrastrutture relative alla salute, mentre i siamo meno interessati alla attività di greenfield, come ad esempio lo sviluppo di nuove reti di trasporto in Italia. Cerchiamo resa stabile, e scegliere il lato del patrimonio netto se stiamo investendo in attività istituzionali, ma con l’aumento del rischio di sviluppo possiamo scegliere il lato del debito. Non possiamo permetterci di investire i nostri soldi senza puntare al reddito immediato, ad eccezione di quando si investe nel private equity. Il punto è, conclude il responsabile Enpam che noi siamo più interessati ai rendimenti. Siamo in una posizione di bilancio forte, in modo che possiamo mantenere un approccio di gestione di total return .

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Mi verrebbe da dire che il sistema si sta muovendo in modo quasi spudorato. Proprio perché tutt
L'immagine qui sopra ormai ci accompagna dal lontano giugno 2011, un'immagine che vale più di m
Ftse Mib. L'indice si porta leggermente sopra il livello chiave dei 17.659 punti, ostacolo che nell
E certo, le leggende metropolitane continuano a circolare, stai attento Ragazzo, non investire n
E certo, le leggende metropolitane continuano a circolare, stai attento Ragazzo, non investire n
Su tutti i sottostanti sensibile diminuzione dei future ed aumento della componente put a sostegno d
Forse sono veramente poche le certezze che possiamo avere in questo contesto di mercato. Ma una
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. Oggi cauto dopo aver solo sfiorato ieri la resistenza collocata a 17.659 punti, livello ch
Nelle ultime due giornate di borsa Sp è stato l'unico sottostante a rientrare nell'area di indiffer