In un anno le aziende perdono 260 miliardi. Sostanzialmente stabili i fondi pensione

Scritto il alle 08:43 da [email protected]

In un anno le grandi aziende italiane hanno perso 260 miliardi di euro di valore e, di questi, 126 miliardi sono stati “bruciati” a piazza Affari dalle società per azioni quotate sulla Borsa di Milano. Il totale del valore della spa del nostro Paese è passato dai 2.077 miliardi del 2015 ai 1.818 miliardi del 2016 con un calo del 12%. Non ci vuole una grande sapienza finanziaria per scoprire ciò. L’indice mibtel di Milano a gennaio 2015 era sui 24.000 punti, il 2016 si è chiuso con circa 20.000 punti. Una perdita di 4.000 punti non è certamente indice di buona salute. Di conseguenza la capitalizzazione delle imprese presenti sui listini è  sceso da 545 miliardi a 419 miliardi, in diminuzione del 23%. Le famiglie hanno perso valore per 173,2 miliardi (-18,7%), gli investitori stranieri per 66,3 miliardi (-13,2%), le imprese per 19,3 miliardi (-7%), le banche per 2,1 miliardi (-1%), le assicurazioni e i fondi pensione per 816 milioni (-2,1%). Questi gli elementi principali di un rapporto del Centro studi di Unimpresa, elaborati su dati della Banca d’Italia aggiornati a giugno 2016 e che non tiene conto di un parziale recupero del secondo semestre. Infatti i Fondi pensione hanno avuto un recupero e la partita a dicembre dovrebbe chiudersi sostanzialmente in parità. Il risultato dei fondi pensione premia la politica degli investimenti prudenti messa in atto nella previdenza complementare i cui amministratori hanno saputo resistere ai pressanti inviti di investimento nella cosiddetta economia reale.
Secondo Unimpresa,  un’associazione che rappresenta le micro, piccole e medie imprese, il sistema imprenditoriale italiano si conferma a trazione familiare, ma in Borsa predomina il capitale estero: oltre il 41% delle quote delle società per azioni del nostro Paese è posseduto da famiglie, mentre sui listini di piazza Affari dominano gli azionisti esteri titolari di oltre il 50% delle spa quotate; in mano alle banche, il 12% delle società per azioni, quota che cala al 10% se si limita l’analisi alle sole aziende quotate; allo Stato, il 5,73% delle imprese e il 4,39% delle quotate.

tabella-spa-italiane-7-gennaio-2017
Sempre secondo l’analisi dell’Associazione, il totale del valore delle grandi imprese italiane è passato da 2.077,9 miliardi dal giugno 2015 a 1.818,6 miliardi di giugno 2016 con una diminuzione di 259,2 miliardi (-12,48%).
L’analisi si focalizza poi sulla ripartizione delle quote e sugli assetti proprietari. Per quanto riguarda l’intero universo delle società per azioni del nostro Paese, la fetta maggiore è in mano alle famiglie: 41,32%, seguono gli stranieri col 23,92%, le imprese col 14,21%, le banche con l’11,95% e lo Stato col 5,73%, le assicurazioni e i fondi pensione col 2,13% (era l’1,90% nel 2015); quote minoritarie sono riconducibili alle amministrazioni locali e agli enti di previdenza. Complessivamente, il valore delle società per azioni è sceso del 12,48%, con una diminuzione di 259,2 miliardi, calando dai 2.077,9 miliardi del 2015 ai 1.818,6 miliardi del 2016.
Per quanto riguarda, poi, le sole società per azioni presenti a Piazza Affari, il primato spetta agli investitori esteri che posseggono il 50,19% delle quote, in leggero calo rispetto al 51,74% del 2015. Gli azionisti esteri hanno perso 71,8 miliardi (-25,44%), le imprese 25,1 miliardi (-23,95%), le famiglie 18,04 miliardi (-26,04%), le banche 10,2 miliardi (-18,89%), le assicurazioni e i fondi pensione 3,5 miliardi . Bisogna sottolineare che quest’ultimo dato può essere fuorviante in quanto la percentuale è riportata si riferisce complessivamente alle Società Assicuratrici che ai Fondi pensione, mentre il patrimonio dei fondi pensione è una quota infinitesimale rispetto a quello totale delle assicurazioni, per cui in attesa dei dati Covip, il dato riferito ai soli fondi viene ipotizzato in sostanziale pareggio.
c.l.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’indice Citigroup Economic Surprise Index ci regala un’istantanea molto forte della situazi
La premessa è inevitabile, quota zero o tassi negativi non serviranno ad evitare all'America e
I tassi negativi sono sicuramente il grande argomento di queste ultime settimane. Un assurdo che
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ovvio, quanto  è accaduto nelle ultime settimane ha rovinato non di poco il quadro di fondo de
Ripensando in questi giorni al clamore che ha suscitato Libra, la moneta digitale che ha present
Ftse Mib: l'indice italiano tenta il rimbalzo dopo lo scivolone delle ultime settimane. Movimento le
Ok, la notizia della famigerata “inversione di tendenza della curva dei tassi” credo sia giu
1 https://twitter.com/icebergfinanza/status/1162402480015257601 Ma come neanche una telefonati