La pensione complementare al posto della indennità di disoccupazione

Scritto il alle 08:34 da [email protected]

Una disoccupata di Torino, stanca di aspettare per avere la sua indennità di disoccupazione, si è data fuoco nella locale sede dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Un caso emblematico che ci riporta indietro di anni. Un paese moderno non è dato dal numero degli smartphone ma dal grado di copertura dei rischi sociali. Che in Italia si assottigliano sempre di più. Un caso limite certamente. Ma quante persone vivono su per giù la stessa situazione e si arrangiano come possono e tutti guardano al mito che sembra diventare sempre più irrangiungibile, della pensione. Sulla quale c’è quotidianamente un gran lavorio. Sono stati appena licenziati i decreti attuativi sull’ape sociale e i lavoratori precoci che già stanno alimentando un sacco di problemi applicativi ai quali finora nessuno ha dato risposta. Ad oggi già siamo a 40.000 domande che cresceranno a dismisura entro il 15 luglio prossimo, data ultima per la presentazione delle domande. Il limite di 60.000 domande accoglibili sarà sicuramente superato e sarebbe il caso che il governo aumentasse gli stanziamenti per venire incontro a tutti i richiedenti con i requisiti certificati. Su tutto grava la recente rilevazione Istat sulla diminuzione dell’occupazione che come effetto indotto ha quello di produrre un minor gettito di contributi previdenziali e quindi restringere ulteriormente la coperta pensionistica..
Ma il governo, mentre ancora non emana i decreti sull’ape volontaria, di cui comunque non sembra esistere una pressione da parte dei dipendenti, prova a mettere in campo ulteriori alchimie previdenziali attraverso un nuovo utilizzo della pensione complementare. Come se gli iscritti ad essa fossero una maggioranza e non solo il 25% della forza lavoro ( quindi il 75% ne è escluso). Può darsi che questa sia una raffinata manovra per aumentare le adesioni più che l’iscrizione obbligatoria di cui molti chiedono a gran voce.
Non contento di aver varato la Rita, scompigliando i conti dei fondi pensione ed  entrando così in contraddizione con se stesso quando chiede di investire nell’economia del Paese, l’Esecutivo ha in mente un’altra idea geniale.
Secondo indiscrezioni c’è allo studio  una fnuova tipologia di pensione anticipata che riguarda gli iscritti ai fondi pensione complementare. Essa è destinata a quegli aderenti  che per motivi vari,  si trovino senza un lavoro  a cinque anni dalla pensione. Lo spunto sarebbe  contenuto nel disegno di legge sulla Concorrenza che pochi giorni fa ha avuto l’ok dalla Camera prima di passare al Senato per l’approvazione definitiva in IV^ lettura! Si tratta, in particolare, di un provvedimento che punta a concedere la pensione complementare anticipata ai disoccupati con poche probabilità di rioccupazione.
Per la pensione anticipata con i fondi di pensione complementari, secondo il provvedimento in discussione al Senato, occorrerà un periodo di disoccupazione che dovrà essere superiore ai due anni e l’uscita per la pensione non dovrà essere più in là di cinque anni. Si tratta, pertanto, di un periodo circostanziato all’interno del quale, i richiedenti con i requisiti necessari, possono accedere ad una forma di uscita anticipata come rendita temporanea. In sostanza la differenza rispetto all’Ape sociale e alla Rita starebbe nell’età anagrafica richiesta. Nelle prime due ipotesi  parte da 63 anni, nella ipotesi attuale si parte dal limite di età vigente tornando indietro fino a 5 anni, cioè a 61 anni e 7 mesi. E’ ovvio sottolineare che durante questo periodo si dovrebbe vivere solo con la quota di rendita pensionistica calcolata sul montante accumulato alla data della richiesta, perché la pensione Inps scatterebbe al compimento dell’età ordinariamente richiesta, che se non viene bloccata, nel prossimo futuro sarà di 67 anni.
Le rendite non sono esaltanti, mediamente meno dell’importo dell’assegno sociale, da sole non sarebbero sufficienti a vivere. Infatti non è mai male ricordare che lo scopo della previdenza complementare è integrare quella pubblica, non sostituirsi ad essa.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 2.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
La pensione complementare al posto della indennità di disoccupazione, 2.0 out of 10 based on 1 rating
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
Inaspettata, insolita per i tempi ed i contenuti, esplosa durante le vacanze la crisi politica più
Scattano i dazi cinesi, Jackson Hole deluse sopratutto Trump e il mondo continua a frenare. Compli
Analisi Tecnica Negata brutalmente la long white che stava a sua volta negando la long black. La s
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, situazione molto fluida sullo Stoxx, settimana scorsa a
DJI Giornaliero Buona domenica a tutti, nel mese di luglio il primo dei tre facenti parte de
  All’interno del caos politico che ci sta interessando, con teatrini che nemmeno nel
Ftse Mib: l'indice italiano dopo il test di ieri dei 21.000 punti, apre positiviamente in scia alle
Finalmente una bella notizia in arrivo dall'economia reale, mentre un gruppo di ignoranti e inco
Il mitico simposio di Jackson Hole rappresenta da anni un appuntamento quantomai atteso. Come se