Il riscatto agevolato della laurea

Scritto il alle 09:02 da [email protected]

Un altro metodo per aumentare l’anzianità contributiva per la maturazione del diritto alla pensione e dell’incremento del relativo importo, è dato dal riscatto dei corsi universitari di studi. Possibilità che esiste da tempo, ma che ora diventa  relativamente meno pesante,  del riscatto tradizionale,pur essendo  riservato solo a coloro che hanno cominciato a lavorare del 1996
Anche in questo caso il decretone del reddito di cittadinanza e quota cento ha introdotto una specifica agevolazioni per il riscatto di laurea post 1996 da valutare nel sistema contributivo.
L’art 20 del decreto-legge in questione ha stabilito che l’onere dei periodi di riscatto è
costituito dal versamento di un contributo, per ogni anno da riscattare, pari a circa 5mila euro. Il che per la laurea breve sarebbero 15.000 euro e per quella lunga 25.000, mica bruscolini, come s idice con una espressione colorita.
La norma introduce un diverso sistema di calcolo all’articolo 2 del D.lgs n. 184/1997, nei casi in cui la domanda di riscatto riguardi periodi che si collocano nel sistema di calcolo contributivo e nella domanda si dovrà specificare che si intende utilizzare il nuovo Ma la domanda che viene spontanea è, “ordinariamente quanto costa un riscatto?” , più di 15mila e 25 mila euro naturalmente, soldi che verranno indubbiamente resistituiti, ma con un minimo di rivalutazione e nessun rendimento. Serve solo per raggiungere il diritto a pensione in pratica.

La nuova normativa interviene su quella vecchia e ci sono alcune fattispecie da specificare: Se in precedenza il riscatto già stato perfezionato con le vecchie modalità, non può essere rideterminato in base alla nuova legge.
Se invece è iniziato il pagamento rateale, si potrà interrompere il pagamento delle rate successive, ottenere l’accredito del periodo corrispondente alla quota versata  e presentare -per il periodo residuo – nuova domanda di riscatto il cui onere potrà essere
determinato, a richiesta, con il criterio alternativo
Se il riscatto non si è ancora perfezionato con l’accettazione dell’onere si potrà ritirare la
domanda in questione e proporne una successiva, con la consapevolezza che i criteri di calcolo dell’onere terranno conto della nuova data di presentazione della domanda perchè come siu sa l’onere di riscatto di calcola sulla retribuzione in godimento alla data della domanda. In questo caso bisogmna fare bene i calcolo per vedere se il nuovo sistema sia conveniente.
Natuaralmente le domande di riscatto del corso universitario di studi devono
essere presentate in via telematica o tramite patronati

Il decreto in questione disciplina l’intervento dei Fondi di solidarietà bilaterali per favorire il raggiungimento della pensione anticipata. In questo caso l’onere è a carico dei fondi medesimi.
L’articolo 22, comma 3, del D.L. n. 4/2019 ha previsto che i fondi di solidarietà, di cui al D.lgs 148/2015, provvedano al versamento degli oneri relativi ai periodi, utili per il
conseguimento del diritto alla pensione anticipata o di vecchiaia, riscattabili o ricongiungibili precedenti all’accesso ai fondi di solidarietà medesimi.
Gli oneri corrispondenti ai periodi riscattabili o ricongiungibili sono versati ai predetti fondi dai datori di lavoro.
Stante la formulazione della norma, i datori di lavoro potranno attivare tutte le
possibili tipologie di riscatto e ricongiunzione previste per legge e utili ai fini del diritto a
pensione anticipata o di vecchiaia, in base alla posizione previdenziale del lavoratore. A tal fine il datore di lavoro esodante, nell’accertare i requisiti di accesso all’assegno straordinario, acquisisce le informazioni e la documentazione a supporto direttamente dai lavoratori. Le domande saranno poi definite secondo le consuete modalità, previa verifica della sussistenza di tutti i requisiti previsti dalla disciplina normativa di riferimento.
Sono invece esclusi, poiché non richiamati dalla disposizione, i riscatti utili ai soli fini della
misura del trattamento pensionistico (ad esempio, riscatti del periodo di part-time di tipo
orizzontale, già interamente valutabili ai fini del diritto a pensione).

c.l.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Su ha la consapevolezza che lo sforzo delle banche centrali è senza dubbio considerevole, ma or
Guest post: Trading Room #331. Grazie anche al nuovo governo, particolarmente gradito da Bruxelles
Ftse Mib: prese di beneficio sull'indice italiano che ritorna in area 22.000 punti, in scia alle ten
L'attenzione per far pagare meno tasse è tutta concentrata sui lavoratori dipendenti, almeno così
Analisi Tecnica Direi che ormai ci siano al test dei 22300 anche se non sono sicuro che andremo a
Stoxx Giornaliero Buon inizio di settimana a tutti, riprendiamo il nostro appuntamento settim
Se il quadro non vi è chiaro, ve lo spiego per l’ennesima volta, poi ovviamente continuerà a
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base
T-1 [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 [3-5 Giorni] (h. yy)[Base Dati: 15 minuti]