Fondi pensione, la convenienza negli investimenti ESG

Scritto il alle 09:43 da clinguella@finanza

Ormai l’umanità si è convertita al verde, o al green come si preferisce dire. Nelle ultime settimane ci sono state manifestazioni in un po’ tutte le città del mondo per chiedere che si faccia qualcosa di più incisivo contro gli evidenti cambiamenti climatici di cui gli esseri umani hanno una responsabilità non secondaria. Ora, al di là di alcuni inevitabili aspetti modaioli o conformistici, è evidente la necessità di intervenire. Una degli ostacoli che si frapporrebbe ad una conversione immediata nell’ecosostenibilità, senza voler tornare nel paleolitico come qualcuno vorrebbe ( niente aerei, navi a vela ma con gli smartphone), è l’impatto sulle economie e annessi problemi finanziari. Ma è proprio così? Forse no, la green economy non solo è un’opportunità futura, ma fornisce anche qualcosa di immediato. A partire dall’impiego massiccio degli ESG.. Prima c’erano gli Investimenti Socialmente Responsabili che si sono evoluti in Esg.
Negli ultimi anni gli investitori usano l’acronimo ESG ( Enviromental, Social and Governance – Ambiente, Sicurezza Sociale – Dirigenza) come terminologia standard per indicare gli investimenti in questi settori.
Il dlgs 147/2018 di recepimento della Iorp 2 introduce anche i criteri sugli investimenti ESG. La Iorp 2 è la direttiva europea diretta a migliorare la governance e la gestione dei rischi degli EPAP( Enti pensionistici Aziendali e Professionali) fornendo indicazioni anche sulle politiche di investimento.

Nel concreto questi fattori sono diventati sempre più rilevanti a seguito del verificarsi di eventi anche catastrofici con conseguenti perdite finanziarie per la maggior parte in conseguenza di disastri ambientali, oppure l’acuirsi di tensioni sociali dovute a crisi economiche o alla politica di amministrazione e gestione delle aziende, gruppo di imprese o multinazionali. Solo per fare un esempio per l’Italia, si pensi all’Ilva e a tutta la problematica connessa all’inquinamento ambientale, alle tensioni sociali e alle politiche di gestione aziendali.
I fattori ESG si affiancano e completano i più classici strumenti di investimento e mirano a ridurre i guasti sopracitati.
I fattori Ambientali comprendono la gestione delle risorse naturali, la lotta all’inquinamento, l’efficienza energetica e la riduzione delle emissioni.
Gli effetti ambientali possono derivare da decisioni inadeguate dei managers. Ad esempio, fuoriuscite di petrolio, inquinamento industriale possono essere costosi in termini di sanzioni amministrative, contenzioso, costi di ripristino, mettendo a rischio di default le imprese.
I fattori sociali considerati nell’implementazione ESG riguardano la gestione delle risorse umane. Il rispetto degli obblighi sociali, la formazione, la sicurezza dei posti di lavoro, la riduzione della diversità di genere,  rendono le aziende più competitive sul mercato, perché alla fine la riduzione dei rischi sociali riduce i costi aziendali.
La stessa Banca l’Italia ha definito la composizione dei portafogli azionari, italiano e dell’area dell’euro, secondo i nuovi criteri di investimento ESG
Complessivamente, ora i portafogli azionari della Banca miglioreranno la propria impronta ambientale in termini di emissioni totali di gas serra (-23% circa, pari a -0,76 milioni di tonnellate), di consumo di energia (-30% circa, equivalenti a 7,67 milioni di giga joule) e di consumo di acqua (-17% circa, pari a 6,95 milioni di metri cubi).
Queste modifiche dei portafogli producono un impatto equivalente a quello che si avrebbe azzerando i consumi annui di energia di circa 140 mila abitazioni e gli usi idrici di oltre 123 mila famiglie8. Anche in termini di riduzione delle emissioni di gas serra i risultati raggiunti sono considerevoli: il calo è equivalente all’annullamento delle emissioni annue di 185 mila famiglie..
I nuovi criteri adottati riguardano oltre gli aspetti gli aspetti sociali  e  quelli ambientali, anche quelli  di governance.
L ’imprenditorietà, che organizza e miscela i classici fattori della produzione, natura, capitale e lavoro, ha un ruolo ancora più incisivo nel dover fare scelte oltremodo complesse.
I fattori di governance riguardano la competenza dei consigli di amministrazione, del management di verfiche nel suo complesso e nelle relative politiche di remunerazioni. In parole povere, dirigenti all’altezza delle situazioni. I cattivi risultati aziendali non sempre sono dovuti al destino cinico e baro, ma , spesso, all’incompetenza dei boards. Sebbene diversi fattori di governance possano applicarsi a tutte le industrie, determinati fattori sono specifici di alcune,  come la gestione del rischio per le società di servizi finanziari e assicurativi fra cui i fondi pensione. Il sistema di gestione dei rischi e la valutazione interna dei rischi dei Fondi pensione devono, quindi, prendere in considerazione anche i rischi connessi ai fattori ESG ai quali il fondo è o potrebbe essere esposto, nonché le relative interdipendenze con altri rischi. Quanto agli investimenti, nel documento sulla politica di investimento dei fondi pensione  dovranno essere illustrate le modalità con cui la politica di investimento tiene conto dei fattori ESG. Last but not least gli stress test dell’Eiopa recentemente lanciati includono una valutazione delle esposizioni ambientali, sociali e di governance (ESG). In conclusione gli investimenti che vogliono tutelare il nostro pianeta non solo sono necessari per tutti noi, ma dal punto di vista economico sono addirittura uno sprone alla crescita ed al superamento della nuova fase di stagnazione economica che si sta profilando.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Fondi pensione, la convenienza negli investimenti ESG, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Si conferma la forza del mercato. Le mani forti non mollano l'osso. Anche se siamo in una fase s
Raoul Pal, consulente finanziario di fama internazionale, fondatore di Global Macro Investor, n
Come spesso accade sotto l'ombrellone, nel fine settimana il ministro di Storia Gualtieri, proba
Il cross Eur Usd si dimostra molto interessante in questa fase di mercato Nel video TRENDS del We
Le movimentazioni monetarie degli ultimi due giorni di borsa mostrano l'indice Ftsemib in netta cont
Analisi Tecnica Perdiamo il canale rialzista e con long black anche i 19300... La doji di indecisi
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I dati macro di venerdi hanno dato un po' di positività in più ma attenzione, in ambito intermar
Iniziamo con una bella notizia, nuovi minimi sul rendimento trentennale dei nostri tesorucci